Herpes

L’Herpes simplex, detto anche labiale, è un’infezione virale della pelle provocata da un genere di virus appartenente al gruppo dei virus erpetici e si manifesta con la comparsa di vesciche febbrili, solitamente nelle zone limitrofe delle labbra, bocca e narici oppure nella zona anogenitale. Le vescicole si formano su chiazze rosse, possono essere precedute da stati di febbre o malessere del soggetto e danno un senso di leggero bruciore e senso di calore. Le vescicole possono presentarsi anche nella faringe e nell’uretra: in questo caso il paziente avverte un dolore molto forte e bruciore al passaggio dell’urina. L’herpes simplex può essere episodico oppure recidivante. Il virus infatti è in grado di raggiungere i gangli del sistema nervoso dove si deposita e rimane anche tutta la vita e riattivarsi quando si presentano determinati fattori quali l’abbassamento delle difese immunitarie, l’eccessiva esposizione ai raggi solari o al freddo, lo stress fisico e psichico, i disturbi gastrointestinali che possono quindi provocare la recidiva dell’infezione. Si trasmette attraverso le vescicole erpetiche, ma anche attraverso la saliva e il sangue.

Terapia con ossigeno-Ozono:
Il trattamento prevede un totale di 5 o 6 sedute settimanali a giorni alterni di Piccola Autoemo.

L’Herpes zoster, detto anche Fuoco di Sant’Antonio, è una malattia della pelle provocata da un genere di virus appartenente al gruppo dei virus erpetici che colpisce soprattutto adulti e anziani. Si tratta dello stesso virus che causa la varicella, che, dopo aver provocato la varicella stessa, si annida nei gangli nervosi spinali e in determinate condizioni, torna a manifestarsi, determinando appunto l’herpes zoster. Le lesioni cutanee, provocate da questo tipo di herpes si presentano soprattutto nelle regioni dei nervi intercostali, del plesso branchiale, del trigemino e del nervo sciatico. Possono procurare diverse sensazioni, che vanno dal formicolio al dolore urente, raggiungendo la massima estensione nell’arco di 3-4 giorni. L’eruzione viene solitamente accompagnata da malessere generale, stati febbrili, brividi, mal di testa e disturbi allo stomaco. Si presentano come vescicole a grappoli su zone della pelle particolarmente arrossate, che ricordano quelle della varicella, e che si distribuiscono lungo il decorso del nervo. L’insorgenza dell’herpes zoster, generalmente spontanea, può essere favorita per esempio da intossicazioni, da infezioni gravi come meningiti e polmoniti, da malattie del sistema nervoso centrale o dall’abbassamento delle difese immunitarie. L’herpes zoster si può facilmente trasmettere da persona a persona.

Terapia con Ossigeno-ozono:
Il trattamento prevede 6 sedute al massimo, effettuate ogni giorno, di Piccola Autoemo.